Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Del perché sono un rompiballe

Lo premetto e lo ammetto: sono un rompipalle. Non sono uno di quelli che si fa esclusivamente i cazzi suoi senza mai fare caso a quello che gli altri pubblicano sui loro social. No: compatibilmente con lo scarso tempo libero a disposizione sono uno di quelli che se capita su un vostro post, lo legge, se gli piace gli mette il like e se non è d’accordo vi scrive un bel commento spiegandovi perché, secondo lui, le cose non stanno come postate voi. In particolare, avendo una certa competenza di “information literacy”, niente di più facile che, se incautamente condividete una fake news che vi ha incuriosito o fatto indignare, vi venga a riprendere sottolineando come la notizia da voi riportata sia una bufala, linkandovi nel contempo le fonti a sostegno del mio giudizio. Raramente ho tolto l’amicizia o ho smesso di seguire qualcuno. Se escludiamo qualche campione che sarebbe stato maggiormente degno di segnalazione per proferire insulti di natura per lo più razzista, l’unica persona da me …

Ultimi post

Lo status del/la "graphic novel"

Perché, nonostante tutto, continuare a leggere libri di carta

Feel Young